Ministero della Cultura

Direzione generale Musei

Direzione generale Musei Puglia

Direttore Luca Mercuri
Via Pier l’Eremita, 25/B, 70122 Bari
+39 0805285231

drm-pug@cultura.gov.it
drm-pug@pec.cultura.gov.it

Castel del Monte

Patrimonio Mondiale UNESCO

Simbolo di armonica commistione tra elementi culturali provenienti dall’Europa settentrionale, dal mondo musulmano e dall’antichità classica, Castel del Monte, capolavoro unico dell’architettura medievale, è dal 1996 nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

Visita il Museo

Cenni storici

Il Castello, risalente al XIII secolo (il primo documento a nostra disposizione per una datazione riporta l’anno 1240), fu commissionato da Federico II di Svevia, sovrano del Sacro Romano Impero.
Se oggi la struttura appare periferica, all’epoca della sua costruzione sorgeva poco lontano dall’asse che collegava i due importanti insediamenti di Andria e del Garagnone, presso Gravina.
Proprio la sua posizione ha reso il Castello un elemento essenziale nel sistema di comunicazione all’interno della rete voluta da Federico II.
A lungo si è discusso sulla sua destinazione d’uso: il termine castrum, infatti, rimanda direttamente a una funzione difensiva, ma la presenza di alcune strutture “accessorie” e la ricercatezza del repertorio scultoreo hanno fatto ipotizzare anche una realtà residenziale e di rappresentanza.

Photo Gallery

di ingresso al castello, contraddistinto dalle cromie tipiche della breccia corallina.

del piano superiore della torre VII, sorretta dai sei telamoni.

sulla chiave di volta della cosiddetta ``sala del trono``, al piano superiore del Castello.

Curiosità

Costruito direttamente su un banco roccioso, il Castello è noto per la sua forma ottagonale.
Su ognuno degli spigoli si innestano otto torri in pietra calcarea locale.
Il cortile, anch’esso di forma ottagonale, è caratterizzato, come tutto l’edificio, dal contrasto cromatico ottenuto grazie all’uso di breccia corallina, pietra calcarea e marmi.
Un tempo erano presenti anche ricchi arredi scultorei, dei quali ad oggi restano solo una lastra raffigurante il Corteo dei cavalieri e un frammento di figura antropomorfa.
Nelle sedici sale di forma trapezoidale, otto per ciascun piano, sono caratteristiche le chiavi di volta delle crociere, ognuna decorata da elementi antropomorfi, zoomorfi e fitomorfi.
Il corredo scultoreo, sebbene fortemente depauperato, restituisce una significativa testimonianza dell’originario apparato decorativo. Ad oggi, sono ancora presenti le due mensole antropomorfe nella Torre del falconiere, i telamoni che sostengono la volta ad ombrello di una delle torri scalari e un frammento del mosaico pavimentale nell’VIII sala al piano terra.
A Bari sono tutt’ora conservati invece due importanti frammenti scultorei recuperati nel 1928, durante i lavori di scavo e di restauro del castello, e raffiguranti una testa laureata ed un busto acefalo.

Info e Contatti

Via Castel del Monte - Andria (BT)
Direttore: Francesco Longobardi
Cell.: +39 3279805551
Email: drm-pug.casteldelmonte@cultura.gov.it

Contattaci per avere maggiori informazioni

I campi contrassegnati con (*) oltre all'accettazione della nostra Privacy e Cookie Policy, sono richiesti per inviare il messaggio